Sposarsi con rito civile o religioso: ecco i documenti necessari



L'organizzazione delle nozze, oltre a vedervi impegnati nella scelta dell'abito da sposa e dei numerosi dettagli della cerimonia, richiede anche un impegno di tipo burocratico. Vediamo insieme quale sarà l'iter da seguire per ottenere tutti documenti necessari!


Partiamo dal matrimonio con rito civile: tenete presente che l’iter burocratico è piuttosto lento quindi è meglio iniziare con qualche mese di anticipo. Basta recarsi

all'Ufficio di stato Civile del Comune di residenza e richiedere i documenti necessari per il matrimonio. La richiesta può anche essere fatta da uno solo degli sposi presentando una delega oppure, con la delega di entrambi, è anche possibile incaricare una terza persona. A questo punto sarà il Comune a procurarsi tutta la documentazione necessaria. I documenti che verranno rilasciati dal comune di residenza sono:

● L'atto di nascita

● Il certificato contestuale che comprende residenza, stato libero e cittadinanza

● Se uno dei due contraenti è divorziato, dovrà aggiungere ai documenti anche la sentenza di divorzio, mentre se è vedovo sarà necessario l’atto di morte del coniuge defunto.

Una volta recuperati questi documenti, gli sposi potranno pronunciare il fatidico ‘Sì’ di fronte all’ufficiale di stato civile (solitamente il sindaco) e dovranno firmare il consenso alla presenza di due testimoni. Come già detto nell’articolo precedente (se te lo sei perso clicca qui:

https://www.manuela-eventi-e-matrimoni.com/post/matrimonio-con-rito-religioso-civile-o-simbolico-quale-il-rito-perfetto-per-la-vostra-coppia) il rito civile può essere svolto sia nelle sale comunali che nelle case comunali: ville, castelli, dimore antiche ecc. Inoltre, per rendere la cerimonia più intima e personalizzata è anche possibile scegliere al posto del sindaco, un celebrante professionista oppure il celebrante potrà essere un amico o un parente.




Passiamo ora al rito religioso e in particolar modo il rito cattolico. Innanzitutto bisogna rivolgersi a una delle due parrocchie di appartenenza e frequentare il corso prematrimoniale. Oltre ai documenti già citati per il rito civile saranno richiesti anche i certificati di battesimo e cresima, l’estratto di nascita e il consenso rilasciato dalla chiesa dove avranno luogo le nozze. Per sposarsi in una parrocchia diversa, gli sposi devono ottenere il nulla osta dalla propria parrocchia. Il rito cattolico dura circa 40-50 minuti ed è molto più lungo del rito civile, solitamente molto breve.



Infine, il rito simbolico. Quest’ultimo non ha alcun valore legale e sempre più spesso accade che venga fatto precedere da un rito civile classico.


Nel prossimo post vi parlerò di alcuni tipi di riti simbolici e del loro significato.


Spero che questo post vi abbia chiarito le idee in merito all’iter burocratico da seguire. Se avete domande contattatemi!


!!!!Se trovi che questo articolo possa essere utile ad un'amica, collega, vicina di casa prossima alle nozze condividilio sui social e taggala!!!!😘

le idee in merito all’iter burocratico da seguire. Se avete domande contattatemi!

69 views0 comments

Recent Posts

See All